Quando ho imparato la parola Jarra

Jarra è una parola spagnola che, tanti anni fa, non conoscevo. Studiavo spagnolo da pochissimo e non avevo ancora dimestichezza con l’uso della lingua. Mi trovavo a Siviglia con alcuni amici, in viaggio durante l’estate. Nel cercare un posto dove mangiare, ci siamo ritrovati in un piccolo ristorante lungo il Guadalquivir, con i tavoli all’aperto. Decidemmo di ordinare gazpacho, chorizo, delle crocchette (di cui vado pazza) e pensavamo di accompagnare tutto con della birra. Io dissi al cameriere di portarmi una “carafa” di birra. Lui si girò verso di me e, col suo vocione imperante, mi disse “no, forse vuoi una jarra”. Quello fu il momento in cui la parola Jarra entrò nella mia testa.