Fatica, magia ed allegria

Ho fatto il cammino di Santiago partendo da solo da casa, non ero mai stato all’estero e non conoscevo la lingua spagnola, non parlavo neppure l’inglese, I primi passi inseguendo la freccia gialla sono stati emozionanti, finalmente anche io ero in cammino, uno scoiattolo mi accompagnò per almeno un kilometro. Nonostante avessi fatto un minimo di allenamento il cammino era faticoso, a tratti doloroso, l’entusiasmo, i paesaggi meravigliosi, le amicizie con gli altri Pellegrini compensavano tutti i disagi. Il cammino di Santiago è un po’ la metafora della vita racchiusa giorno per giorno, in 25/30 km, sono concentrati sofferenza, disagio, dolore, ma anche tanta spensieratezza che nei giorni nostri presi dalla frenesia della vita non riusciamo a cogliere. Sarò Pellegrino per sempre!!!! Gracias